Pesa dei container: dal 1° luglio 2017 sarà obbligatorio pesarli prima dell’ imbarco

Firmato un decreto transitorio in attesa dell’entrata in vigore della norma.

Roma – Il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, Ammiraglio Vincenzo Melone ha firmato, venerdì scorso, il decreto dirigenziale 447/2016 che, dal 1° luglio 2016, detta i criteri e le norme tecniche per la pesatura dei container.

Il decreto prevede un periodo transitorio: fino al 30 giugno 2017 si potranno utilizzare strumenti diversi da quelli regolamentari, a patto che il limite massimo di errore nella prima pesatura sia pari a 500 chilogrammi o non superi il 3 per cento della massa lorda verificata.

Infatti, a seguito di numerosi incidenti provocati dalla mancanza di un dato certo sul peso del container, il Comitato per la Sicurezza Marittima dell’IMO ha adottato una risoluzione che ha apportato nuovi emendamenti alla Convenzione internazionale SOLAS (Safety of life al sea).

Tali emendamenti entreranno in vigore il 1° luglio 2016 e prevedono, tra l’altro, la pesatura obbligatoria del container attraverso l’acquisizione verificata della massa lorda -VGM (Regola VI/2 – Verified Gross Mass), prima dell’imbarco su navi impiegate in viaggi internazionali.

Il decreto riguarda, quindi, la fase transitoria in cui l’Italia, non essendoci ad oggi una posizione comune in ambito europeo sulla pesatura, ha svolto un ruolo attivo nella ricerca di un’ applicazione armonizzata della norma internazionale, in accordo con altri Paesi quali Olanda, Danimarca e Gran Bretagna.

G.S.