rotterdam port

Logistica: tutti in vendita. Ma chi compra?

Le voci sul mercato finanziario specie milanese si inseguono e sono diventate incontrollabili. Ne parlano banche, fondi, operatori preconizzando due terremoti senza precedenti nel mondo della logistica e della portualità italiani. I due principali gruppi privati che controllano terminal portuali, interporti, ferrovie e camion “for sale”. Ci riferiamo ovviamente al gruppo Contship e al gruppo Gavio.

Il primo orfano del suo grande timoniere, Marco Simonetti, è diventato oggetto ripetuto di voci che si accavallano, rimbalzano, senza aver fino a oggi trovato conferme ufficiali. Il timone lo ha in mano lei: la lady di ferro dello shipping, Cecilia Batistello, ma i destini del gruppo potrebbero essere decisi oltre che dai padroni di Amburgo anche dai partner pesanti che figurano nelle compagini azionarie specie di La Spezia e di Gioia Tauro. Il riferimento è alla Msc di Gian Luigi Aponte che di fatto a una quota in tutti i maggiori porti italiani e che è a sua volta oggetto di rumours in vista di possibili alleanze (o qualcosa di piu’) con altri colossi del mercato container.

Diverse le voci relative al gruppo Gavio. Dopo un forte innamoramento per la nautica da diporto (Baglietto) e un momentaneo interesse per la logistica, dopo l’acquisto delle autostrade brasiliane, i due cugini sarebbero orientati a occuparsi piu’ del core business (autostrade) e del business sognato (costruzioni) e declinato con la perdita di Impregilo. Per altro poi l’affidamento delle scelte strategiche all’ex amministratore della stessa Impregilo, ovvero a Alberto Rubegni (con un bagaglio e una vision professionale lontana anni luce da quella dello storico Bruno Binasco), non sembra giocare a favore di un prolungato impegno nella logistica, nei porti e nelle ferrovie. Un addio imminente? Troppo presto per dirlo. Dipenderà anche dai vincoli di mercato che il gruppo si troverebbe costretto a sciogliere ….pagando dazio.

Per intanto sul mercato aleggia un interrogativa. Se tutti vendono, chi compra? E pare che proprio nessuno oggi abbia la risposta in tasca.