container

L’avanguardia La Spezia

Primo a puntare sui privati, primo ad affidare il principale terminal a un soggetto imporenditoriale, primo a lanciare la pace sociale come valore aggiunto, primo a puntare sull’intermodalità, primo a utilizzare in modo intensivo i treni….L’elenco per il porto di La Spezia potrebbe proseguire, ma non è opportuno: perchè La Spezia è davvero un work in progress.

Domani, venerdi’ 11 marzo, il porto di La Spezia, questa volta per iniziativa diretta di quella community portuale (agenti marittimi, spedizionieri e spedizionieri doganali che dello scalo sono l’anima) lancerà una nuova sfida, proponendo una nuova formula logistica finalizzata a trasformare i containers in un valore aggiunto per il territorio e le comunità costiere.
La formula coperta sino a oggi dal massimo riserbo, sarà svelata nel corso di un convegno a Porto Lotti, nella città del levante ligure,  al quale parteciperanno i piu’ importanti opinion makers della scelta portuale e logistica…e non solo spezzina.

Protagonista – come detto – la Port community rappresentata dal La Spezia Port Service.