ferrobonus2

Bruxelles dà l’ok al Ferrobonus italiano

E’ ufficiale. La Commissione Europea ha autorizzato l’Italia ad utilizzare il Ferrobonus – l’incentivo alla Legge di Stabilità 2016 ai fini del sostegno al trasporto intermodale – spiegando, in una nota, che “la misura mira ad incrementare il trasferimento di merci dal trasporto stradale a quello ferroviario senza distorsioni di mercato. Avrà un impatto positivo sull’ambiente, supportando una modalità di trasporto che è maggiormente ecosostenibile rispetto al trasporto stradale. Inoltre, contribuendo a ridurre il congestionamento delle strade, produrrà benefici anche per la mobilità”. La Commissione ha precisato che è stato accertato che il regime di contributi è aperto a tutti gli operatori e utenti e non provocherà distorsioni alla concorrenza a danno del trasporto fluviale e del trasporto marittimo.
Per quanto riguarda quest’ultimo, il Presidente di RAM (Rete Autostrade Mediterranee), Antonio Cancian recentemente ha annunciato che entro la metà del 2017 sarà presentata alla Commissione europea la proposta di incentivi coordinati a livello comunitario per l’implementazione delle Autostrade del mare nei mercati Mediterraneo e Atlantico. La proposta si sviluppa nell’ambito del progetto Med-Atlantic Ecobonus, attuato grazie ai finanziamenti CEF (Connecting Europe Facility) per l’incentivazione del trasporto marittimo a corto raggio, e vede fra i partner, insieme a RAM, i Ministeri dei Trasporti di Italia, Portogallo, Spagna e Francia.

G.S.